TorioVerde

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Torio/Francia

Prospettive
 

Francia

Ricava circa l'80% della sua elettricità da energia nucleare e la società francese AREVA è una delle aziende leader nel mondo per la costruzione di centrali nucleari.
Le tecnologie utilizzate sono quelle di seconda e terza generazione e ciò nonostante AREVA non sembra, per quello che ufficialmente risulta, avere alcuna volontà di procedere ad una sostituzione dei reattori tradizionali, almeno per i prossimi 10/20 anni.
Secondo l’opinione della società, il prodotto è collaudato ed è decisamente più conveniente dal punto di vista economico promuovere i propri prodotti che non fare investimenti su un nuovo prodotto, almeno in questa fase di messa a punto.
Tuttavia nel Laboratorio Nazionale di Grenoble un gruppo ristretto di scienziati, dotato di scarsi mezzi finanziari sufficienti a malapena per simulazioni e calcoli, sta lavorando fin dal 1990 su reattori ai Sali Fusi di Torio a titolo sperimentale.
Le ultime informazioni parlano di un così detto MSFR (Molten Salt Fast Reactor). Questo reattore richiederebbe però una maggiore quantità di materiale fissile, il che va in contrasto con l’informazione che da per certa l'indisponibilità di Uranio naturale nel giro di pochi anni.
A Parigi ha sede SNETP (Sustainable Nuclear Energy Technology Platform) diretto da Yves Kaluzny, che ha reso pubblica la “Strategic Research and Innovation Agenda 2013”, nella quale non un centesimo è investito per MSR, mentre miliardi di Euro sono investiti per il nucleare di II e III generazione, molto pericolosi per l'uomo e l'ambiente.
La Francia e l’Inghilterra dettano gli indirizzi e noi li accettiamo supinamente.
Cosa fanno Ansaldo Nucleare, Enea, Enel, ITER Consult, Inail-ISpesl, Sintec, RSE, CIRTEN, Università La Sapienza, SRS, DIMNP, Merivus,  nell’organigramma SNEPT?
Stanno lì per fare i nostri interessi o quelli degli anglo-francesi?
Possibile che nessuno di queste società abbia pensato di proporre un nucleare alternativo, i Sali Fusi di Torio,  a quello sostenuto pervicacemente dalla dirigenza?


 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu